Ricostruzione unghie in gel. Ecco i passaggi fondamentali

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Si dice che le mani siano il biglietto da visita che riflette il nostro modo di essere, per questo la loro cura è fondamentale, e quale donna non sogna di averle sempre in ordine? Ad oggi la maggior parte delle donne ricorre all’uso della ricostruzione e dello smalto gel, il quale a differenza del tradizionale smalto (che tende a sfaldarsi e rovinarsi in poco tempo dando all’unghia un aspetto “trasandato”), ha una durata maggiore, rende le nostre unghie più lucide e dal colore sempre vivace, e l’effetto è decisamente più glamour.

Questo trattamento di ricostruzione unghie con il gel è adatto sia per quelle donne con unghie rovinate o molto fragili, ma anche da chi desidera abbellire le sue unghie naturali, nel caso siano troppo corte. Alcuni gel possono essere stesi direttamente sull’unghia naturale , altri invece vanno applicati sull’allungamento artificiale dell’unghia fatto con specifiche tip di plastica. La ricostruzione gel è adatta anche a chi ha mani che lavorano in quanto è molto resistente (se fatta bene!) . Il gel per sua natura si adatta e penetra anche negli avvallamenti delle unghie rendendole uniformi, resistenti e compatte.

Fino a qualche anno fa, questa tecnica era sicuramente meno conosciuta, ed anche economicamente non accessibile a tutte, oggi si è estesa a macchia d’olio ed è praticamente semplicissimo trovare professioniste e non del settore che effettuano questo trattamento a prezzi veramente competitivi. Con le attrezzature facilmente reperibili in qualsiasi negozio per la cura della persona è semplicissimo anche pensare di poterlo effettuare “homemade”. Ma vediamo insieme tutti i passaggi per realizzare al meglio questa tecnica!

Come primo step, le mani vanno preparate al trattamento, solitamente si puliscono con un qualsiasi gel disinfettante, e nel caso sia presente dello smalto, va rimosso con un solvente o, se si tratta di gel-o gel semipermanente va limato con attenzione per non sfregare oltre lo strato del prodotto e di conseguenza rovinare l’unghia sottostante. Successivamente le unghie vanno ulteriormente limate per conferire la forma desiderata e che si addice meglio alle nostre mani,e tagliate in modo da attaccare al meglio le tip. Con un leva cuticole si procede a sistemare e “pulire” tutta l’area per “riordinare” le nostre mani. Bisogna sempre assicurarsi che tutti questi attrezzi vengano disinfettati prima di procedere, soprattutto se vengono utilizzati su più persone. Sulle unghie verrà applicato poi uno strato di primer, che ha il compito di “trattenere” e far aderire meglio il tutto, ed è un operazione molto semplice e veloce perché solitamente questo prodotto si asciuga in pochissimi secondi.

ricostruzione unghie gel passaggiLa ricostruzione delle lunghezze può essere eseguita con due metodi, con le cartine e con le tip. La ricostruzione unghie con cartine è una tecnica di che serve comunque ad allungare l’unghia artificialmente tramite il supporto di una cartina adesiva millimetrata utilizzata per adattarsi alle diverse lunghezze delle unghie. Per ricostruire un’unghia, infatti, occorre sempre un supporto su cui creare le lunghezze, in gel o in acrilico.

Una volta attaccate tutte le cartine per ogni unghia , si comincia con l’applicazione del gel: uno solo per quello monofasico, o il gel costruttore per quello trifasico. Successivamente stenderlo sull’ unghia e tutta la cartina. Dopodiché si inseriranno le mani nel fornetto per 10/15 secondi.

Per quanto riguarda le tip, si trovano in varie misure e devono essere adattate ad ogni dito per avere un effetto più naturale possibile. Bisogna quindi adattarle alle unghie, e non dovranno mai essere più piccole dell’unghia naturale, ma della stessa misura.

Per fissarle servirà una colla per tip, esercitando una pressione decisa ma non eccessiva. Se premete troppo, infatti, potrebbe verificarsi una fuoriuscita di colla che comprometterebbe il risultato. Attendere qualche minuto, quando le tip saranno ben incollate,saranno tagliate ed accorciate accuratamente nella lunghezza che desiderate con un tagliatip e livellate poi con l’unghia sotto, eliminando “le gobbe” tra l’unghia e la tip tramite una lima grossa ,senza danneggiare l’unghia. A questo punto si procede come per una normale ricostruzione in gel!

Si procede quindi ad applicare lo strato di gel di base su tutte le unghie, facendo attenzione a non creare ulteriori gobbe sull’unghia, partendo dalla base fino ad arrivare all’unghia superiore.

Dopo aver applicato lo strato di gel, si passa alla scelta del colore, che va applicato allo stesso modo di quest’ultimo su tutte le unghie, e successivamente nella lampada UV. In base al colore scelto si possono effettuare diverse passate se non si è soddisfatte dell’intensità. Qui entra in gioco la creatività, le decorazioni sono molto popolari e si possono effettuare aggiungendo glitter, brilantini, borchiette e tantissimi altri tipi di punti luce. Si può abbellire l’unghia con delle nail art particolari eseguite con dei pennellini più piccoli, l’effetto è veramente molto chic. In questo caso occorrerà un’ennesima passata di gel sulle zone interessate per “intrappolare” le decorazioni e far si che non si stacchino. Ad opera finita, servirà un ultima passata di lucido su tutte le unghie grazie ad un particolare smalto “lucidante”, che conferisce maggiore brillantezza, e successivamente alla sua asciugatura si va a sgrassare nuovamente con del cotone e del solvente. Come ultimo step si può applicare un olio per cuticole per idratare la zona su cui abbiamo lavorato.

La ricostruzione in media ha una durata che va dalle tre settimane, ad un mese e si è fortunate anche un mese e mezzo, ma bisognerà prestare molta attenzione perché se non fatto bene le unghie rischiano di “staccarsi” al minimo urto!

Share.

About Author

Beautynette

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.